domenica 6 settembre 2009

SEDANI RIGATI CON VELLUTATA DI PEPERONI E ZAFFERANO


PEPERONI MON AMOUR!
Incredibile! oltre alle melanzane anche le piante di peperoni ci stanno dando soddisfazioni!

Ingredienti (per due):
3 peperoni (rossi e gialli)
2 cucchiai di ricotta
1 scalogno
sale
pepe
pistilli di zafferano
1 bustina di zafferano
pasta (circa 200 gr)

Far dorare lo scalogno in una padella con poco olio. Aggiungere i peperoni tagliato grossolanamente a pezzi fino a che non diventano belli morbidi (20 minuti circa).
Passare al frullatore i peperoni, la ricotta, pepe e sale.
Nel frattempo mettere l'acqua sul fuoco e far cuocere la pasta al dente. Scolare. In una padella far saltare la pasta con la vellutata, aggiungendo la bustina di zafferano.
Spadellare nei piatti e decorare con i pistilli di zafferano.

Il peperone (Capsicum annum) è un ortaggio della famiglia delle Solanacee, originario dell'America del Sud (Brasile).La pianta del peperone è un arbusto dal portamento eretto, e possiede foglie verdi lucide e lanceolate, che può presentare una peluria sul fusto e sulla parte inferiore delle foglie; ha fiori, bianchi, singoli, che compaiono all'ascella delle foglie, uno per nodo.
Ha fatto la sua comparsa sulle tavole europee quando venne importato in Spagna verso la metà del 1500; poi arrivò in Italia, e solo nel1700 in Ungheria, una delle principali produttrici di paprika, spezia ottenuta da particolari varietà di peperoni, che vengono fatti essiccare, ridotti in polvere e mescolati con farina di frumento.
Il nome latino "capsicum" deriva da capsa= scatola, per la particolare forma del frutto che ricorda proprio una scatola con dentro i semi.
La caratteristica principale del è il suo elevato contenuto divitamina C, e contiene anche vitamina A; è decisamente poco calorico, poiché è costituito per oltre il 90% da , e il che lo rende adatto allediete dimagranti.
Le varietà dolci sono generalmente quelle preferite dai consumatori, per la migliore digeribilità e appetibilità.
Le varietà piccanti sono più ricche di vitamine delle altre, tanto che raggiungono valori 300 volte maggiori di ciascuno degli altri ortaggi coltivati, inoltre hanno un tenore medio di acido ascorbico altissimo, e sono sconsigliate a chi soffre di ulcera o iperacidità gastrica e ai bambini; però, per la presenza di carotenoidi (contro i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare) e sali minerali, hanno il pregio di stimolare la vitalità dei tessuti e di attivare il circolo venoso e capillare prevenendo le malattie vascolari.
(thanks to GialloZafferano)

peperoni.jpg

5 commenti:

  1. Anch'io amo i peperoni ma sono l'unica in famiglia che li apprezza. Forse fatti in questo modo riesco a farli mangiare anche a quei lumaconi dei miei uomini di casa. L'unica che mi da delle soddisfazioni in cucina è mia figlia ma non va pazza per i peperoni. Magari la faccio per me, la faccio assaggiare e chissà che non avvenga il portento!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Un'altra bella ricetta di peperoni! Da qualche giorno ne sto sperimentando di nuove, perché io i peperoni li adoro. Questa pasta con lo zafferano mi incuriosisce, dev'essere davvero buona. Io faccio una crema di peperoni per condire la pasta, ma lo zafferano non mi sarebbe mai venuto in mente... davvero singolare, brava! Grazie per l'idea e a presto

    RispondiElimina
  3. Adoro i peperoni!!!Li mangerei a pranzo e cena....io li cucino molto semplicemente in padella con aglio , pomodoro e rosmarino...la tua versione è molto interessante, da provare!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. grazie a tutte per i commenti! anch'io adoro i peperoni!!! e Sabrine...con lo zoffarano sono fantastici! provare per credere! ciao a tutti e buone spadellate!

    RispondiElimina